BUONI PROPOSITI

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in CLANDESTINO, IL MIO TEMPO

Lasciati alle spalle qualche “amico” e un paio di “colleghi” e superati i pensieri dei regali, ecco che mi viene da convincermi che questo avvio (e per me lo è veramente!) è un motivo in più per riflettere bene. Questo, in fondo è periodo che coincide con un inizio anno dove mi fermo e, ragiono sui buoni propositi.

PERDERE LA TESTA PER QUALCUNO….

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in CLANDESTINO

In questi giorni ho incontrato una persona…un incontro casuale ma di quelli che fanno piacere. Si incomincia con un “ciao… Chi si rivede….tutto bene?” Le risposte sono scontate…”si bene…è tu?”.. Le mie di risposte invece non sono “mai” scontate…. Dico: “si benino ma ultimamente mi sa che non ci sono più con la testa…..forse il tempo che passa o le […]

LA CASERMA DEI CARABINIERI e la ZUPPA GALLURESE

Pubblicato il Pubblicato in CLANDESTINO

 

Ero l’unico con una divisa bianca in mezzo ad almeno una decina di divise nere.

Questo mi rendeva nervoso come un gatto in mezzo in un cortile pieno di cani.

Ero a Sassari in una caserma di carabinieri. L’unica cosa che ci rendeva simili era l’età.

Erano tutti ragazzi come me.

Penso velocemente che un paio di anni fa a Milano quelle divise mi “correvano dietro durante le barricate dei movimenti studenteschi.”

Non so perché ma quando caricavano sembrava che puntassero tutti su di me e correvo…..

Ma torniamo ai fatti, e soprattutto cosa ci facevo a Sassari vi chiederete. 

 

QUALCUNO CI MISE UNA “PEZZA”

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in CLANDESTINO

Ero stanco di sentirmi dire che “bisognava fare così “.

Ero stanco di dare una ragione a un tale, solo perché aveva un grado più di me. Continuavo a dire che ogni volta era diverso, che non sempre si poteva eseguire una manovra come diceva il manuale.

Per fortuna tutto si era concluso bene” diceva ma, non riusciva a capire che in mare non si gioca a carte e quella, non era stata fortuna.

Avevo valutato tutto e avevo scelto il rischio minore anche se esisteva concretamente la possibilità di errore.

Un errore che mi avrebbe portato davanti a un processo.

Continuava a dirmi urlando che …..” Quando un uomo cade in mare devi mettere il timone tutto sul lato di caduta per allontanare le eliche da lui.”

Hai ragione dicevo ma …. lo faccio se il mare è piatto e se è una esercitazione altrimenti valuto….e se valuto, non è detto che faccio come è scritto su quel manuale.