CLANDESTINO

QUEL FANGO CHE UNISCE

Il 21 febbraio 1979 Olbia fu invasa dall’acqua.

Un’alluvione, la prima della sua storia più recente.

Non ci furono vittime, né feriti, ma molti danni. La città mostrò le sue fragilità urbanistiche e il suo sviluppo incontrollato.

Tracimò il fiume Gutturesu.

Fino a quel giorno non sapevo nemmeno che Olbia avesse un fiume.

Era da giorni che pioveva.

Lo ricordo ancora perché tra le “guardie” e il “servizio in mare” eravamo sempre bagnati fino alle ossa, ed era una lotta per asciugare maglioni e scarpe.

Io ero appena rientrato con altri 5 dal solito giro al largo dell’imboccatura del golfo. Eravamo in mare da 4 ore e avevamo seguito il traghetto “Livorno Espress” fino all’attracco. Era un mercantile che trasportava autotreni… Tutto regolare tranne il fatto che per il mare grosso era in ritardo.

ESEGUI L’ACCESSO AL SITO CLICCADO QUI!

Articolo visibile integralmente solo agli iscritti alla newsletter del sito….. e tu cosa aspetti? iscriviti e riceverai in omaggio un “ebook” dell’articolo