IL MIO TEMPO

LE DUE VERITA’……..

È luogo comune affermare che una persona ha “ragione” o “torto” su un fatto o su una opinione a secondo di regole o schemi accettati da tutti (parliamo delle leggi di uno Stato o di Leggi religiose)……
Eppure ci sono sempre più persone che sostengono che “dipende dal punto di vista”.. cioè non più una e univoca verità (è così e basta!) ma più verità a secondo se ci poniamo nei panni di chi la vede in modo opposto al nostro.
Questo modo di pensare non è facile da accettare ed è come fare un viaggio nello spazio e nel tempo…no, non è fantascienza…nella realtà c’è già chi lo fa!!!….Ma non preoccupatevi…per ora la “vostra unica verità” è al sicuro.
Chi infatti ha mai sentito parlare dei “muoni”?…NO! ….non sono né gendarmi né esponenti religiosi ma, delle particelle (a volte erroneamente chiamate “mesoni”) che si formano ad alcune centinaia di chilometri dalla Terra per precipitare a pioggia verso il suolo.
I muoni si formano a partire dai raggi cosmici.
Quando i raggi cosmici entrano in atmosfera si scontrano con altre molecole presenti nella stessa atmosfera dando luogo ai muoni.
I muoni si muovono a una velocità prossima a quella della luce e possiamo anche stabilire che alcuni di loro viaggiano a circa il 99% di questa velocità (velocità luce = 300.000 km/sec).
Ma il bello deve arrivare…..fate attenzione!!!
I muoni hanno una vita brevissima e prima di trasformarsi in altre particelle vivono 2 milionesimi di secondo riuscendo a percorrere solo 0,6 km. Una distanza troppo breve per riuscire a toccare il suolo ed essere intercettati dai rilevatori di particelle.
Eppure, molti di loro riescono a raggiungere la superficie terrestre distante alcune centinaia di chilometri.
Per un osservatore posto sulla terra il tempo dei muoni che viaggiano a una velocità vicina a quella della luce, viene rallentata. Quindi la loro vita si allunga permettendo i arrivare a terra prima del decadimento.
Se ci mettiamo però al posto del muone, il tempo non cambia….per lui rimangono solo i 2 millesimi di secondo necessari per arrivare a terra….per il muone è lo spazio che si restringe.
In conclusione la terra e la sua atmosfera per un muone risulterebbe schiacciata e non percorrerebbe centinaia di chilometri ma solo i 0,6 chilometri prima di toccare il suolo.
Il fenomeno è quindi lo stesso ma la sua spiegazione cambia a secondo del punto di vista di un osservatore.
Un osservatore sulla terra direbbe che il tempo rallenta …..ma un osservatore al posto del muone direbbe…che…no…il tempo non cambia….è lo spazio che non è di centinaia di chilometri.
La verità?….non c’è una verità….ce ne sono due….e forse anche nella nostra realtà faremmo bene a considerare il fatto che la “verità” non è “assoluta” anche se scritta ma “relativa” e dipende dal punto di vista dell’osservatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *