FUORI DI CLASSEIL MIO TEMPO

Si chiamava “LA TIZZI”

La prima volta che ho dato un nome a un oggetto in modo ”consapevole” è stato per una canoa o meglio per un kayak.
Il negoziante dove la avevo acquistata mi disse che anche se era ”solo” un kayak, era pur sempre una “barca” e come tale le andava dato un nome…..scaramanzia o tradizione poco importa e lo feci.
Le barche probabilmente sono quella categoria di oggetti a cui si da un nome senza paura di vergognarsi.
Il mio primo kayak lo chiamai ”Tizzi” perché da ragazzo di fantasia ne avevo poca.
Ma essendo una ”barca”, come tutte le barche, vanno chiamate al femminile quindi divenne ”La Tizzi”.Normalmente tendo a non affezionarmi troppo agli oggetti ma, in alcuni casi non ci sono proprio riuscito.
Immaginare uno spirito umano dentro a un pezzo di plastica, di legno o di stoffa un po è una stupidaggine ma un po ci fa sentire meno soli e per me è stato così.
Del resto tutti noi chi più chi meno ha avuto un pelusche come compagno di infanzia
Aaaah…il mio era un gatto nero impagliato con tanto di coda di nome ”fulì” e lo avrei tenuto per molto tempo ancora se non fosse che l’abbinamento mamma-io-fulì cominciava a essere imbarazzante per la famiglia.
Mi dissero un giorno che ”fulì” era partito improvvisamente per un lungo viaggio.
Piansi come un dannato per un mese  e non servì nulla il farmi ritrovare un ”fulì” troppo nuovo per essere il mio ”fulì”.
Continuo a pensare che dare un nome agli oggetti non sia una cosa del tutto sana, forse è una patologia, lo ammetto…però mi diverto molto immaginare che tanta gente dà nomi a oggetti che usa frequentemente, quasi attribuendogli doti umane o un carattere e…ci vuole coraggio a farlo e di più ad ammetterlo.
Comunque con ”La Tizzi” ho passato momenti importanti e ci parlavo veramente quando mi portava giù per le rapide.
Spesso in segno di fiducia lasciavo a lei la direzione da seguire quando le cose si facevano serie.
Ho fatto anni con ”La Tizzi”…prua rossa che sfumava sul giallo…chiglia grigio topo.
Fiumi e torrenti come Ticino, Adda, Brembo, Dora Baltea l’hanno accarezzata ma anche sballottata….
Ma laghi come quello di Como o il Maggiore hanno visto i suoi colori.
Il battesimo in acqua avvenne nel lago di Monate e da allora furono tante le volte che mi buttò in acqua ma sapevo che era come un cavallo e poco alla volta riuscì a cavalcarlo.
La fine per ”La Tizzi” avvenne quasi dopo 4 anni nella rapide di un torrente in Francia di cui non ricordo nemmeno il nome.
So solo che mi buttò in acqua poco prima di frantumarsi in una serie di cascate…o almeno voglio immaginare che andò così altrimenti non sarei qui a raccontarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *