CASOMAIIL MIO TEMPO

SI É SOLI QUANDO……

C’è una frase in una canzone di R.Vecchioni che dice: ” non si è soli quando un altro ti ha lasciato, si è soli se qualcuno non è mai venuto
Non ricordo il titolo e non è importante …..la canzone poi è abbastanza malinconica e questo non è il momento per sentirla….sopratutto se si è in clima di belle giornate e feste pasquali…..e visto che “i ricordi sono come la pelle” meglio non metterli al sole!!!
Questa frase pero’ mi fa riflettere sulla sua verita.
La solitudine è uno stato emotivo che coinvolge il tempo nel suo passato….e deriva da errori culturali dei piu clamorosi ma che non riusciamo a comprendere e rimediare.
-> La presunzione di ottenere dal domani quello che si aveva ieri
-> Che tutto sia statisticamente provato e racchiuso in quella bugia matematica della “Curva a Campana” di Gauss (purtroppo ancora ritenuta il pilastro delle economie mondiali).
Ma la perdita di una persona non è solo una statistica per le assicurazioni…..la perdita di una persona (in termini materiali o se volete …. affettivi) porta a cancellare il tempo dei ricordi come un quadro che si scolora….la mente cerca di ricomporre….ma la persona e il suo tempo non esistono piu’…la realtà materiale lo nega…il tempo non puo’ liberarsi dello spazio….lo spazio è materia ma il ricordo che è immateriale lo pretende ….. vuole le emozioni di allora…i sapori di allora …l’odore…i colori ….perchè non vive solo il corpo ma anche l’anima….
Questo processo è una lotta che porta a un senso di vuoto difficile da colmare e che paradossalmente tiene in vita il ricordo….che distrugge l’anima più o meno lentamente.
Si arriva a un bivio dove il destino non può essere seguito con le leggi della fisica…..e allora…se hai perso un affetto o una persona, chi ti dice che sia stato?…..il dolore puo’essere cosi forte da interrompere il ricordo…e allora ….non c’è stato.
La fisica quantistica è piena di queste stranezze….il passato puo’ essere solo stato manipolato….è il presente che conta….il futuro una illusione che giustifica un passato pieno di smagliature con significati diversi e solo quelli che ci fanno comodo o che giustificano quello che siamo
Si….allora quel qualcuno non è mai arrivato….e quella solitudine forse ha un senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *